Contributo a fondo perduto per le attività stagionali

Contributo a fondo perduto per le attività stagionali

Il contributo a fondo perduto previsto dal cosiddetto contributo Sostegni per le attività stagionali, consiste nell’erogazione, da parte dall’Agenzia delle entrate, di una somma di denaro o, a scelta irrevocabile del contribuente, nel riconoscimento dell’intero importo come credito d’imposta, a favore dei soggetti che svolgono attività d’impresa, arte o professione e di reddito agrario, titolari di partita IVA, residenti o stabiliti nel territorio dello Stato. Il contributo Sostegni bis per le attività stagionali è alternativo al contributo a fondo perduto previsto all’art. 1 commi da 1 a 3 dello stesso decreto (cosiddetto contributo Sostegni bis automatico), consistente nell’erogazione automatica da parte dell’Agenzia delle entrate di un importo pari al contributo di cui all’art. 1 del decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41 (cosiddetto contributo Sostegni) ottenuto dai soggetti che lo hanno richiesto e non oggetto di restituzione per indebita percezione.

L’ammontare del contributo a fondo perduto è determinato applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo dal 1° aprile 2020 al 31 marzo 2021 e l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo dal 1° aprile 2019 al 31 marzo 2020. Per i soggetti che hanno attivato la partita IVA tra il 1° aprile 2019 e il 31 marzo 2020, ai fini del calcolo dell’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del medesimo periodo, rilevano i mesi successivi a quello di attivazione della partita IVA.

L’ammontare del contributo non prevede un importo minimo spettante e, in ogni caso, non può essere superiore a centocinquantamila euro.

L’erogazione del contributo è effettuata mediante accredito sul conto corrente identificato dall’IBAN indicato nell’istanza, intestato al codice fiscale del soggetto, persona fisica ovvero persona diversa dalla persona fisica, che ha richiesto il contributo o, in alternativa e su specifica scelta del richiedente, può essere richiesto, nella sua totalità, come credito di imposta utilizzabile esclusivamente in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, mediante la presentazione del modello F24 attraverso i servizi telematici resi disponibili dall’Agenzia delle entrate.

Il predetto credito di imposta sarà fruibile solo a valle dei controlli degli esiti dell’istanza e successivamente alla comunicazione di riconoscimento del contributo pubblicata nell’area riservata di consultazione degli esiti del portale “Fatture e corrispettivi”.

Related Posts

  • Approfondimenti

    Esonero contributivo per l’assunzione di donne nel biennio 2021-2022

    L’INPS ha fornito ulteriori chiarimenti sull’esonero contributivo del 100%, nel limite massimo di importo di 6.000 euro annui, per l’assunzione di donne nel biennio 2021-2022, come introdotto dalla Legge di Bilancio 2021. L’incentivo riguarda le “lavoratrici svantaggiate” e, quindi: • donne con almeno 50 anni di età e disoccupate da oltre 12 mesi; • donne

  • Approfondimenti

    Risposte alle domande più frequenti sul “Decreto Sostegni”

    Vi informiamo che sul sito di Agenzia delle Entrate-Riscossione sono state pubblicate le faq con le novità introdotte, in materia di riscossione, dall’articolo 4 del decreto “Sostegni” (Dl n. 41/2021) entrato in vigore il 23 marzo 2021, e il vademecum sui provvedimenti adottati nel periodo di emergenza sanitaria attualmente in vigore. In particolare, il decreto

  • Casartigiani Sardegna

    Approfondimenti, Comunicati

    Sospensione delle cartelle esattoriali

    Il Consiglio dei ministri di domenica 18 ottobre ha approvato alcune disposizioni urgenti in materia di riscossione esattoriale ed è stato emanato un Decreto legge. Il Decreto legge, che entrerà in vigore dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, dispone la proroga fino al 31 dicembre 2020 della sospensione delle attività di notifica di nuove cartelle di pagamento,

  • Casartigiani Sardegna

    Approfondimenti, Servizi

    Bonus pubblicità al via anche per il 2019

    La legge di conversione 81/2019 ha reso permanente il bonus pubblicità, il credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari incrementali riconosciuto a imprese, lavoratori autonomi ed enti non commerciali. La misura consente di vantare un credito di imposta pari al 75% del valore incrementale degli investimenti pubblicitari effettuati da imprese su quotidiani, periodici ed emittenti televisive

  • Casartigiani Sardegna

    Comunicati

    Registratore telematico, richiesta la proroga per l’invio dei dati

    Con la definitiva approvazione del Decreto Crescita è stata introdotta una norma che – correttamente interpretata dall’Agenzia delle Entrate – ha risolto il problema di moltissime imprese che, per oggettive difficoltà del mercato, non hanno potuto dotarsi del Registratore Telematico, entro la data del 1° luglio 2019, per poter trasmettere i corrispettivi.   La medesima

Casartigiani Sardegna Logo