Esonero contributivo totale per l’assunzione di giovani nel 2021-2022

Esonero contributivo totale per l’assunzione di giovani nel 2021-2022

Al fine di promuovere l’occupazione giovanile stabile, è stato introdotto l’esonero contributivo del 100%, per un periodo massimo di 36 mesi, nel limite massimo di importo pari a 6.000 euro annui, per le assunzioni a tempo indeterminato e per le trasformazioni dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato eseguite nel biennio 2021-2022, con riferimento ai soggetti che alla data della prima assunzione incentivata non abbiano compiuto il 36° anno di età. Peraltro, l’esonero è esteso a un periodo massimo di 48 mesi ai datori di lavoro privati che procedano ad assunzioni in sedi o unità produttive ubicate nelle Regioni Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna.

L’esonero spetta a tutti i datori di lavoro privati, a prescindere dalla natura di imprenditore, incluso il settore agricolo (fatta eccezione per la Pubblica Amministrazione, nonché per le imprese del settore finanziario). Tuttavia, il beneficio è riconosciuto ai datori di lavoro che non abbiano proceduto, nei 6 mesi precedenti l’assunzione, né procedano nei 9 mesi successivi alla stessa, a licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo o a licenziamenti collettivi nei confronti di lavoratori inquadrati con la medesima qualifica nella stessa unità produttiva.

Quanto ai lavoratori beneficiari, nel provvedimento si chiarisce che la previsione è rivolta ai soggetti che, alla data dell’evento incentivato, non abbiano compiuto il 36° anno di età e non siano stati occupati a tempo indeterminato con il medesimo o con altro datore di lavoro nel corso dell’intera vita lavorativa, con la specificazione che il requisito anagrafico si intende soddisfatto laddove il lavoratore – alla data dell’assunzione – abbia un’età inferiore o uguale a 35 anni e 364 giorni. Inoltre, l’incentivo in questione è riconosciuto anche per le assunzioni a tempo indeterminato a scopo di somministrazione, sebbene la prestazione lavorativa sia resa presso l’utilizzatore a tempo determinato.

Restano esclusi i rapporti di apprendistato, i contratti di lavoro domestico, i contratti di lavoro intermittente o a chiamata (ancorché stipulati a tempo indeterminato), i rapporti di lavoro a tempo indeterminato di personale con qualifica dirigenziale, le prestazioni occasionali.

Related Posts

  • Approfondimenti

    Contributi e credito d’imposta per le imprese turistiche

    Con l’articolo 1 del Dl 152/2021 è stato introdotto un contributo sotto forma di credito d’imposta fino all’80% delle spese sostenute per gli interventi di riqualificazione delle strutture ricettive a decorrere dal 7 novembre 2021 e fino al 31 dicembre 2024. Per gli stessi soggetti è inoltre riconosciuto un contributo a fondo perduto, non superiore al

  • Approfondimenti

    Esoneri contributivi prorogati fino al 30 giugno 2022

    L’INPS, con il messaggio 26 gennaio 2022, n. 403, comunica alle aziende interessate che le agevolazioni relative agli esoneri contributivi per l’occupazione giovanile, per l’occupazione femminile e a quella denominata Decontribuzione Sud sono prorogate fino al 30 giugno 2022. Le misure, contenute nella Legge di bilancio 2021, sono concesse e autorizzate dalla Commissione europea che ne ha prorogato l’applicabilità e ha innalzato i

  • Comunicati, Servizi

    Misure per l’incentivazione della vendita di prodotti sfusi o alla spina

    Sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il decreto del Ministero della transizione ecologica riguardante le misure per l’incentivazione della vendita di prodotti sfusi o alla spina. Obiettivo del decreto è la riduzione della produzione e dell’utilizzo della plastica. Il contributo può essere riconosciuto agli esercenti commerciali di vicinato e di media e grande struttura che attrezzano

  • Senza categoria

    Congedo 2021 per i lavoratori dipendenti

    L’INPS ha fornito le indicazioni sul diritto alla fruizione del congedo, in favore dei genitori lavoratori dipendenti con figli conviventi minori di anni 14, nonché con figli con disabilità in situazione di gravità. Il beneficio può essere fruito per periodi di infezione da SARS COVID-19, di quarantena da contatto, di DAD, nonché di chiusura del centro

  • Approfondimenti

    Esonero contributivo per l’assunzione di donne nel biennio 2021-2022

    L’INPS ha fornito ulteriori chiarimenti sull’esonero contributivo del 100%, nel limite massimo di importo di 6.000 euro annui, per l’assunzione di donne nel biennio 2021-2022, come introdotto dalla Legge di Bilancio 2021. L’incentivo riguarda le “lavoratrici svantaggiate” e, quindi: • donne con almeno 50 anni di età e disoccupate da oltre 12 mesi; • donne

Casartigiani Sardegna Logo