Concessione di un contributo “una tantum” per le imprese del terzo settore

Concessione di un contributo “una tantum” per le imprese del terzo settore

La Regione con la determinazione n.85 del 12/01/2021 ha adottato misure straordinarie ed urgenti per il contenimento della crisi socioeconomica derivata dall’emergenza sanitaria da Covid_19.

L’agevolazione prevede la concessione di una indennità una tantum a compensazione del mancato reddito, a favore di:

  1. Lavoratori autonomi, con o senza Partita Iva degli organismi, agenti e scuole professionistiche operanti nel settore dello spettacolo dal vivo, teatro, musica, cultura, danza, inclusi i professionisti e i tecnici del settore audiovisivo e cinema, spettacoli pirotecnici, organizzatori di feste e cerimonie, compresi commercianti di abiti da cerimonia;
  2. Lavoratori autonomi, con o senza Partita Iva operanti nell’ambito delle agenzie di viaggio;
  3. Lavoratori autonomi, con o senza Partita Iva operanti nell’ambito delle palestre;
  4. Ambulanti al dettaglio dei mercati locali non beneficiari di altri interventi similari a valere sulla legge regionale 23 luglio 2020, n.22;

L’indennità una tantum è quantificata in euro 7.000 per ciascun Beneficiario.

I requisiti soggettivi di ammissibilità, sono i seguenti (resi nella forma di dichiarazione sostitutiva di certificazione ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000 e previsti a pena di esclusione):

  1. svolgere una delle attività indicate nel bando;
  2. aver subito una riduzione dell’attività lavorativa e il conseguente mancato reddito dovuto all’emergenza epidemiologica da Covid_19;
  3. essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione Europea o di uno Stato extra UE e in possesso di regolare permesso di soggiorno CE;
  4. essere residente in un comune della Regione Autonoma della Sardegna;
  5. essere in regola con la situazione penale, non avere fallimenti in corso o procedure concorsuali, ecc…..;
  6. essere in possesso di un indirizzo PEC, di un indirizzo di posta elettronica ordinaria e della firma elettronica digitale. Nel caso in cui non si sia in possesso della firma elettronica digitale, la Domanda di Indennità Telematica, potrà essere sottoscritta con firma autografa, e alla DIT dovrà esserne allegata la copia unitamente a un documento di identità in corso di validità;
  7. aver provveduto al pagamento della marca da bollo di € 16,00 tramite mod. F24.

I moduli che devono essere allegati alla DIT, devono essere compilati dal form del portale (SIL), previa registrazione allo stesso.

La Domanda di Indennità telematica (DIT), dovrà essere presentata esclusivamente utilizzando l’apposito  applicativo reso disponibile dalla Regione Autonoma della Sardegna nell’ambito del Sistema Informativo del Lavoro e della Formazione Professionale (SIL) al seguente indirizzo: www.sardegnalavoro.it. La stessa dovrà essere firmata digitalmente oppure con firma olografa e allegata unitamente a copia di documento di riconoscimento.

Documentazione/dati da avere a portata di mano per la compilazione della DIT:

  • Visura Camera di Commercio (per la descrizione dell’attività lavorativa svolta)
  • Codice ATECO 2007
  • Coordinate bancarie per l’accredito

Le domande dovranno essere inoltrate dalle ore 10:00 21/01/2021 e non oltre le ore 23:59 del 22/02/ 2021. La domanda potrà essere annullata entro 5 (cinque) giorni solari dalla data di invio telematico e non oltre il termine della scadenza entro cui le domande devono essere inviate.

L’ordine cronologico di invio telematico delle stesse costituisce unico elemento di priorità nell’assegnazione dell’Indennità una tantum.

 

Al termine delle attività di verifica, saranno approvati gli elenchi con l’indicazione delle richieste ammissibili e di quelle per le quali sia stata accertata la non ammissibilità al finanziamento, con le relative motivazioni. I provvedimenti saranno pubblicati integralmente sul sito della Regione.

 

Per maggiori informazioni scrivere a cagliari@casartigianisardegna.it

Related Posts

  • Comunicati, Servizi

    Nuovo bando finanziamenti regionali per le imprese artigiane

    La Regione Autonoma della Sardegna (RAS) ha programmato il finanziamento di nuovi fondi per la richiesta dei benefici stabiliti dalla L.949/52 e 240/81 (contributo in C/capitale e in C/interessi per le imprese artigiane). A breve, appena pubblicato il bando con le disposizioni finali, sarà possibile procedere con l’invio di nuove istanze. Requisiti per l’ammissione al

  • Servizi

    RESTO AL SUD: GLI INCENTIVI PER LE IMPRESE

    Artigiancassa, è ora attiva nel supporto alle aziende per l’accesso ai fondi di “Resto al Sud”, la misura gestita da lnvitalia per incentivare la nascita e lo sviluppo di nuove realtà imprenditoriali e libero professionali nel Mezzogiorno, nelle aree del cratere sismico del Centro Italia (Lazio, Marche, Umbria) e nelle isole minori marine, lagunari e

  • Approfondimenti, Comunicati

    Nuovo SELFIEmployment finanziamento con prestiti a tasso zero

    Il Nuovo SELFIEmployment finanzia con prestiti a tasso zero l’avvio di piccole iniziative imprenditoriali, promosse da NEET, donne inattive e disoccupati di lungo periodo, su tutto il territorio nazionale. Non ci sono bandi, scadenze o graduatorie: le richieste di finanziamento vengono valutate in base all’ordine cronologico di arrivo. La misura è a valere sulle risorse del Fondo Rotativo

  • Comunicati, Servizi

    Fondo impresa femminile, dal 19 maggio il via alle domande

    A partire da maggio prende il via il Fondo impresa femminile che incentiva le donne ad avviare e rafforzare nuove attività per realizzare progetti innovativi nei settori dell’industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, servizi, commercio e turismo. Le domande per richiedere contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati potranno essere presentate secondo il calendario delle date di

Casartigiani Sardegna Logo