Protocollo di sicurezza anticontagio per acconciatori ed estetisti

Casartigiani Sardegna

Protocollo di sicurezza anticontagio per acconciatori ed estetisti

Riportiamo di seguito il “Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” sottoscritto dal Governo insieme alle  Confederazioni
dell’artigianato, ai Sindacati ed alle principali Organizzazioni di rappresentanza delle imprese.

Il seguente documento è stato sviluppato tenendo in considerazione lo svolgimento professionale delle attività degli acconciatori e affini.

Note Preliminari
 Ogni operatore (titolare, dipendente, collaboratore) è tenuto a fare riferimento ed aggiornarsi sulle direttive sanitarie ufficiali emanate al livello nazionale e dagli Organi competenti locali.
 Ogni operatore è tenuto a controllare il proprio stato di salute. In caso di temperatura superiore ai 37,5° non potrà iniziare il proprio turno e sarà tenuto a trasmettere tempestivamente la segnalazione agli organi competenti.

Regole generali
 Lo svolgimento delle attività avviene esclusivamente previo appuntamento (telefonico, tramite app o mail);
 Al momento della prenotazione, e comunque 24 ore prima dell’appuntamento_ è opportuno accertarsi delle condizioni di salute del cliente. Se non ci sono le condizioni di salute ottimali (presenza di sintomi respiratori o in influenzali e temperatura al di sopra dei 37.5°) sarà necessario rinviare l’appuntamento
 Tra un appuntamento e l’altro, al momento della prenotazione, si dovrà tenere un margine di tempo adeguato _ tenuto conto del trattamento richiesto _ per consentire le operazioni preliminari di preparazione della postazione di lavoro, per indossare i dispositivi di protezione individuali nonché per igienizzare l’area utilizzata.
 Il cliente dovrà recarsi da solo in studio. In caso di disabile o minore dovrà essere accompagnato da un solo genitore/accompagnatore.
 Il numero di clienti presenti in ogni area dovrà essere tale da evitare assembramenti e rispettare il distanziamento sociale di un metro come da D.P.C.M. E’ consentita la presenza di un solo cliente per volta in area reception, spogliatoi, servizi igienici. E’ assicurata la disinfezione dei servizi igienici dopo ogni utilizzo
 La permanenza dei clienti all’interno dei locali è consentita limitatamente al tempo indispensabile all’erogazione del servizio/trattamento
 Per le imprese maggiormente strutturate è auspicabile si proceda con orari di apertura al pubblico flessibili e turnazione dei dipendenti
 Verranno messi all’ingresso a disposizione del cliente i DPI necessari (mascherine, guanti) gel igienizzate, e un contenitore per i rifiuti indifferenziati. Sarà compito dell’operatore verificare l’adozione ed il corretto utilizzo dei dispositivi.
 Dovrà essere affissa una chiara cartellonistica nella quale fornire indicazioni sia al personale che alla clientela
 I DPI in uso sono esclusivamente quelli certificati. Gli operatori sono tenuti ad indossare sempre mascherina e guanti. E’ previsto l’utilizzo di occhiali protettivi o visiera in plexiglas per i trattamenti per i quali non può essere garantita la distanza interpersonale di un metro (per gli acconciatori limitatamente ai servizi di taglio/cura della barba)
 L’operatore anche durante la fase di accoglienza provvede ad indossare i DPI necessari e mantenere il distanziamento sociale previsto.

Le altre regole per gli Acconciatori
Limitatamente ai saloni di acconciatura che, contrariamente ai centri estetici, normalmente non dispongono di spazi chiusi nell’ambito dei quali circoscrivere la presenza ad un solo cliente per operatore:
 Delimitazione degli spazi con applicazione sul pavimento di scotch di colore ben visibile;
 Utilizzo di postazioni alternate sia nella zona del lavaggio che nelle zone trattamenti;
 Igienizzazione delle postazioni di lavoro dopo ogni trattamento/servizio;
 Utilizzo, ove possibile, di materiali monouso e lavaggio a temperatura adeguata e con prodotti igienizzanti dei materiali in tessuto;
 Posizionamento di soluzioni disinfettanti all’ingresso e in corrispondenza di tutte le postazioni lavoro, a disposizione di operatori e clientela;

Le altre regole per i Centri Estetici
 Per i centri estetici sarà previsto l’utilizzo di soprascarpe monouso, di camici
monouso o lavaggio giornaliero degli indumenti ad alta temperatura con prodotti
igienizzanti;
 L’area di lavoro deve essere allestita con tutte le barriere di superficie necessarie per
garantire la sicurezza del cliente e dell’operatore stesso;
 La detersione dei lettini viene effettuata accuratamente con ipoclorito di sodiocandeggina o alcool denaturato; ,
 Dopo ogni trattamento la cabina viene arieggiata;
 L’operatore spiega nel dettaglio al cliente l’adeguato utilizzo di tutti gli eventuali DPI e del corretto comportamento da tenere durante lo svolgimento del trattamento richiesto;
 L’operatore, laddove richiesto dal trattamento specifico, andrà ad adottare i DPI necessari allo svolgimento dello stesso: nel caso di trattamenti al viso, dove il cliente non può indossare la mascherina, l’operatore dovrà indossare i DPI suggeriti dal Ministero della Salute (es: mascherina FFP2, FFP3, visiera, ecc.)
 Prima di cominciare il trattamento vero e proprio, l’operatore provvede al lavaggio delle mani scegliendo la tipologia di lavaggio adeguata al trattamento che si appresta ad eseguire (lavaggio sociale, lavaggio antisettico o gel a base alcolica).
 L’Operatore si assicura che il cliente rimuova correttamente gli eventuali DPI utilizzati durante lo svolgimento del trattamento, all’infuori della mascherina;
 Il cliente al termine del trattamento si disinfetta le mani con un gel a base alcolica e si reca in reception per il pagamento del trattamento;
 L’operatore esegue la pulizia dell’area di lavoro. In seguito rimuove con cura i DPI personali, e si disinfetta nuovamente le mani.

Related Posts

  • Comunicati

    Rimborso delle spese per l’acquisto di dispositivi di protezione

    Impresa Sicura è l’intervento previsto dal decreto Cura Italia (DL 18/2020, articolo 43, comma 1) che punta a sostenere la continuità, in sicurezza, dei processi produttivi delle imprese, di qualunque dimensione e operanti su tutto il territorio italiano. Il bando di Invitalia consente alle aziende di ottenere il rimborso delle spese sostenute per l’acquisto di

  • Casartigiani Sardegna

    Approfondimenti

    Cura Italia: novità nella conversione in legge

    Di seguito si richiamano, in sintesi, alcune delle principali novità introdotte nel corso dell’iter di conversione in Legge del Decreto Cura Italia. Sospensione mutui prima casa Il decreto Cura Italia aveva previsto l’estensione del Fondo di solidarietà mutui “prima casa”, c.d. “Fondo Gasparrini”, anche ai lavoratori autonomi e ai liberi professionisti che avevano subito una

  • Comunicati

    L’appello dei pensionati per l’azione tempestiva nei confronti delle categorie più deboli

      Il Coordinamento nazionale del Comitato Unitario Pensionati Lavoro Autonomo di cui fa parte FNPA Casartigiani insieme alle altre sigle (ANAP-CONFARTIGIANATO; ANPA PENSIONATI CONFAGRICOLTURA; ASSOCIAZIONE NAZIONALE PENSIONATI CIA; 50&Più ASSOCIAZIONE CONFCOMMERCIO; CNA PENSIONATI; FEDERPENSIONATI COLDIRETTI; FIPAC CONFESERCENTI) vuole ringraziare le migliaia di medici, infermieri ed operatori sanitari che ormai da quasi due mesi fronteggiano la

  • Casartigiani Sardegna

    Comunicati

    FSBA e Covid-19: già dal 1° aprile 2020 tutte le imprese artigiane possono presentare domanda di sostegno al reddito.

    Alcune affermazioni apparse in questi giorni sugli organi di stampa sul tema dell’accesso alle prestazioni FSBA Covid-19 sono imprecise. Ci si riferisce, in particolare, alle notizie su una pronuncia del TAR del Lazio che avrebbe ordinato a FSBA di consentire ai datori di lavoro artigiani di presentare domanda delle prestazioni Covid-19, prescindendo dalla cd. “iscrizione”

  • Casartigiani Sardegna

    Comunicati

    Casartigiani al MISE: tempi immediati nell’erogazione degli importi alle imprese

    Si è insediato al Mise il Comitato di Monitoraggio chiamato a verificare la funzionalità delle misure finora adottate dal Governo e ad elaborare i contenuti dei prossimi Decreti finalizzati alla progressiva riapertura delle attività imprenditoriali ed alle misure economiche di sostegno alle stesse. In ordine ai Decreti già emessi è emersa l’esigenza prioritaria di intervenire

Casartigiani Sardegna Logo