L’appello dei pensionati per l’azione tempestiva nei confronti delle categorie più deboli

L’appello dei pensionati per l’azione tempestiva nei confronti delle categorie più deboli

 

Il Coordinamento nazionale del Comitato Unitario Pensionati Lavoro Autonomo di cui fa parte FNPA Casartigiani insieme alle altre sigle (ANAP-CONFARTIGIANATO; ANPA PENSIONATI CONFAGRICOLTURA; ASSOCIAZIONE NAZIONALE PENSIONATI CIA; 50&Più ASSOCIAZIONE CONFCOMMERCIO; CNA PENSIONATI; FEDERPENSIONATI COLDIRETTI; FIPAC CONFESERCENTI) vuole ringraziare le migliaia di medici, infermieri ed operatori sanitari che ormai da quasi due mesi fronteggiano la pandemia scatenata dal coronavirus Covid-19.

Ognuna delle otto Associazioni di agricoltori, artigiani e commercianti a cui fa riferimento il CUPLA, in diverse forme e modalità, sta sostenendo questo grande sforzo collettivo, anche attraverso donazioni ad ospedali, enti di volontariato e Protezione civile, ma soprattutto veicolando e divulgando verso i propri associati pensionati la corretta informazione su come contrastare la malattia.

Purtroppo pensionati ed anziani sono la fascia di popolazione più colpita dalla forza del virus, rappresentando gli over 70 anni oltre l’80 per cento dei deceduti.
Esprimiamo in particolare una forte preoccupazione per la situazione venutasi a creare nelle case di riposo e RSA e in generale per l’assistenza agli anziani.
Secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità sui decessi nelle residenze per anziani, in 1.082, su 3.320 contattate, da febbraio al 14 aprile si sono registrate quasi 7 mila vittime con oltre il 40% per Covid-19. Ma i dati reali probabilmente sono ancora più allarmanti.

Purtroppo rileviamo che la sanità pubblica e la medicina territoriale, in molte Regioni, sono state da molti anni trascurate e depotenziate, mentre invece l’esperienza della drammatica fase attuale dimostra la fondamentale importanza del ruolo dei medici di famiglia e della presenza dei presidi medici anche nei piccoli comuni.
Dobbiamo altresì evidenziare che non si è investito sulla assistenza domiciliare e chiediamo lo sviluppo del CARE GIVER.
In questi anni sono stati tagliati oltre 50 mila posti letto e altrettanti posti di lavoro nella sanità e si è trascurata la prevenzione attraverso le strutture pubbliche, che rappresentano un baluardo per la salvaguardia della salute degli italiani.
Non possiamo accettare l’accesso alle cure in base alla età, come purtroppo appare sia avvenuto nel momento di maggiore criticità nelle strutture ospedaliere.
Dobbiamo, nostro malgrado, constatare che non si è saputo proteggere i nostri anziani.

Intravedendo dai dati diffusi qualche spirale positiva nella propagazione del virus, auspichiamo che nella fase 2, nella quale vanno assunte e imposte – se necessario – tutte le misure di precauzione e di protezione affinché il virus non riprenda a diffondersi, che gli anziani siano considerati al pari degli altri cittadini, e non dei soggetti da mettere in segregazione.
Il nostro appello è quello di agire tempestivamente in tutto il territorio nazionale effettuando tamponi a tutti gli operatori sanitari e tutti gli ospiti delle RSA, case di riposo, residenze per disabili e anche alle persone asintomatiche.

Pertanto chiediamo che, a tutti i livelli, le Organizzazioni degli anziani, e loro Coordinamenti, tra cui il Cupla, siano ascoltati affinché possano mettere a disposizione le loro conoscenze dirette per coadiuvare le Istituzioni nell’assumere importanti decisioni in questo difficile momento.

Related Posts

  • Casartigiani Sardegna

    Comunicati

    Novità sulle misure del Decreto Legge “Riaperture”

    Il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto-legge che introduce nuove misure relativamente all’emergenza epidemiologica da COVID-19. In considerazione dell’andamento della curva epidemiologica e dello stato di attuazione del piano vaccinale, il testo modifica in primo luogo i parametri di ingresso nelle “zone colorate” _ secondo criteri proposti dal Ministero della salute _ in modo

  • Comunicati, Eventi

    UnMinutoXNoi, le imprese si fanno sentire

    Le associazioni datoriali, unitamente ai sindacati dei lavoratori, organizzano un evento simbolico denominato #unminutoxnoi, che consiste nel blocco per un minuto, di tutte le attività, nella giornata di venerdì 29 gennaio 2021, alle ore 12,00. L’iniziativa vuole rappresentare un momento di riflessione, pacifico, nel quale si intende dare rilevanza, anche mediatica, alla grave emergenza economica che rischia di rappresentare, a breve,

  • Comunicati

    Misure a favore delle aziende di autotrasporto colpite dalla pandemia

    Il Servizio per il trasporto marittimo e aereo e della continuità territoriale dell’Assessorato Regionale dei Trasporti della Regione Autonoma della Sardegna ha approvato l’avviso pubblico per la concessione delle compensazioni alle aziende di autotrasporto (art. 34 della L.R. n° 22 del 23 luglio 2020, come integrata dalla L.R. n° 30 del 15.12.2020 art. 13). L’intervento

  • Casartigiani Sardegna

    Approfondimenti

    Contributo a fondo perduto: chiarimenti dall’Agenzia delle Entrate

    L’Agenzia delle Entrate ha fornito ulteriori indicazioni  in merito al contributo a fondo perduto, previsto all’art. 25 del Decreto “Rilancio”, e destinato ai soggetti colpiti dall’emergenza epidemiologica “Covid-19”. Di seguito riportiamo la sintesi di alcuni quesiti chiariti dall’Agenzia. Società in liquidazione volontaria Al quesito se le società in liquidazione possano fruire del contributo, l’Agenzia risponde che,

  • Casartigiani Sardegna

    Approfondimenti, Comunicati

    Contributi a Fondo Perduto, requisiti e modalità di inoltro della domanda

    Con Provvedimento del 10 giugno u.s. l’Agenzia delle Entrate ha approvato la modulistica per richiedere i contributi a Fondo Perduto previsti dal Decreto Rilancio (art.25) destinati a sostenere gli operatori economici danneggiati dalla crisi sanitaria dovuta alla diffusione del “Coronavirus”. La presentazione dell’istanza potrà avvenire a partire da lunedì 15 giugno e non oltre il

  • Approfondimenti, Comunicati

    Infortunio da contagio Covid-19: nessuna presunzione di responsabilità penale su datore

    La Legge 5 giugno 2020 n.40 chiarisce in via definitiva che la responsabilità del datore di lavoro è ipotizzabile solo in caso di violazione dei protocolli e delle linee guida governativi e regionali. L’obbligo di tutela dell’integrità psicofisica dei lavoratori (art. 2087 c.c.) viene, infatti, identificato «mediante l’applicazione delle prescrizioni contenute nel protocollo condiviso di

Casartigiani Sardegna Logo